Abbinamento vino bianco e portate di mare

Centrare l’abbinamento tra un buon vino e una pietanza di pesce non è così semplice come potrebbe apparire, per questo vogliamo darvi alcuni consigli per non fare brutta figura con i vostri ospiti e comprendere in autonomia quali siano gli accostamenti più azzeccati.

Dobbiamo innanzitutto partire dal presupposto che le carni di un buon pesce sono spesso delicate, questo implica che si debba preferire un vino caratterizzato da una certa acidità e sapidità.

Di conseguenza, il vino bianco fermo risulta essere l’accostamento sempre pià azzeccato, in quanto valorizza il gusto ed il piatto stesso nel suo complesso grazie al suo equilibrio… ma attenzione! Esistono tutta una serie di variabili di cui dobbiamo tenere conto.

Distinguiamo, quindi, alcuni casi tra loro separati, per creare il connubio pesce/vino perfetto.

Abbinamenti tra vino e zuppe di pesce

Un piatto particolarmente liquido, e questo è il classico caso della zuppa di pesce, comporta la necessità di essere accompagnato da un vino con un maggior tenore alcolico; questo aspetto è fondamentale, perché l’alcool in maggior quantità conferisce una funzione leggermente disidratante, che ben si accosta con una pietanza di pesce ricca di liquidi.

Un’idea in particolare? Provate un buon Vermentino, vino dalle note floreali ma con ottima personalità, probabilmente uno degli accostamenti migliori per le zuppe di pesce.

Interessante è anche il Trebbianino, un vino dei Colli Piacentini dal colore giallo paglierino, molto gradevole all’olfatto e dal sapore vivace.

Abbinamenti tra vino e fritture di pesce o cotture alla mugnaia

In questo caso stiamo parlando di un piatto che presenta una discreta punta di grasso. Se sfruttiamo la classica frittura di calamari, totani e gamberetti, ci troviamo di fronte a un piatto molto gustoso con una panatura crrocante.

In questo caso è interessante abbinare un vino bianco fermo frizzante, che aiuti a pulire il palato dal sapore della frittura, quindi preferiamo sempre quei vini strutturati che sanno contrastare il gusto del pesce fritto, ma non lo sovrastino totalmente.

Ottimi in questo senso sono un buon Franciacorta, sicuramente un Prosecco, che ben si sposa con tutte le tipologie di pesce arrosto o pesce fritto. Se desiderate un vino dalla giusta acidità e che contrasti bene il sapore di frittura, consigliamo la Falanghina del Sannio.

Per quanto riguarda le cosiddette cotture alla mugnaia, caratterizzate da olio e burro, si tratta di pietanze particolarmente unte e grasse, che necessitano di vini bianchi ben strutturati.

Abbinare vino bianco e secondi di mare

Scegliamo quindi sempre vini caratterizzati dal giusto corpo e dal buon tenore alcolico, possibilmente bianchi, fermi, secchi e leggeri. Ottimo in questo caso un Trebbiano d’Abruzzo oppure, perché no, un buon Chardonnay.

Abbinare il vino e le portate di pesce magro

In questo caso parliamo di pesci che hanno una certa delicatezza. Pesci magri pososno essere le spigole, le orate, i naselli, tutto il pesce azzurro ed il pesce spada.

Essendo pesci dal gusto particolarmente delicato, è sempre bene optare per cotture che non alterino il sapore; preferiamo quindi la cottura a vapore o la cottura a piastra.

In questo caso è interessante il fatto che non si debba forzatamente ricorrere ad un vino bianco, ma ben si sposano anche alcuni vini rossi.

Per quanto riguarda i vini bianchi, puntiamo su vini secchi e dal basso contenuto alcolico, mentre per quanto riguarda i vini rossi, sorprendenti gli accostamenti con alcuni dei più celebri vini toscani. Infatti, alcuni giorni fa abbiamo avuto modo di provare direttamente da Montalcino, un accostamento con il Brunello proveniente dall’enoteca della Famiglia Padelletti, stupendoci per la bontà dell’abbinamento; ottimi anche i vini Chianti Rosso e Nobile di Montepulciano, che conferiscono un equilibrio davvero piacevole.

Come scegliere il vino per un pranzo di pesce

Abbinamenti tra vino e crostacei o molluschi

Piatti come le insalate di mare, di polpo, oppure i carpacci, presentano delle caratteristiche particolari, come la lieve untuosità e la quasi dolcezza della portata.

In questo caso puntiamo su un vino che sia particolarmente aromatico e nemmeno troppo strutturato, bisogna che si abbia una certa parità tra vino e pesce per quanto riguarda il livello di aromaticità e sapidità; ottimo in questo caso è uno spumante Franciacorta.


In breve
Scopri come abbinare portate di mare e vini toscani
Titolo
Scopri come abbinare portate di mare e vini toscani
Descrizione
Pranzi e cene a base di mare hanno bisogno di un vino in abbinamento che rifletta il gusto e il sapore del pesce.
Publisher
Da Maurizio